Domenica, 16 Ottobre 2016 23:09

Auguri Brugherio 1 (+28)

28 anni fa nasceva il Brugherio 1 ...

Augurissimi !!!

Pubblicato in Gruppo
Venerdì, 03 Giugno 2016 02:00

Prima messa don Fabio Zanin

Tutti gli scout del gruppo sono invitati a partecipare alla prima messa di don Fabio Zanin che si terrà DOMENICA 12 GIUGNO 2016 alle ore 10,30 presso la Parrocchia San Bartolomeo.
Il ritrovo, in uniforme, sarà alle ore 10,00 in Piazza Roma.

Buona Caccia e Buona Strada.

Pubblicato in Avvisi Gruppo

A conclusione del lavoro su carcere, giustizia, colpevoli e vittime, il Noviziato Road '99 organizza un evento di riflessione sulle mafie, grazie alla testimonianza di Marisa Fiorani. I dettagli nell'articolo sottostante.

 

Questa storia in in pochi la conoscono, è quella di Marcella di Levrano.
Marcella è una delle vittime della Sacra Corona Unita, la mafia pugliese.
È scomparsa l'8 marzo del 1990 e dopo qualche giorno è stata trovata con il volto sfigurato da colpi di pietra in un bosco tra Brindisi e Mesagne.
Grazie alla sua agendina, sulla quale aveva l'abitudine di annotare tutto, le cause della sua morte si sono chiarite.
Marcella, qualche tempo prima, aveva iniziato a frequentare ritrovi non molto raccomandabili, che la portarono alla dipendenza da eroina.
Ma la nascita della sua bambina la riporta a ragionare e a decidere di uscire da quel mondo.
Avrebbe voluto raccontare tutto, liberarsi: farà arrestare gli spacciatori di droga e quelli che li rifornivano.
Ma alla Sacra Corona questo non andava bene.
E così fu lapidata.
La mamma, Marisa Fiorani, da qualche anno ha iniziato a girare l'Italia per raccontare la sua storia.
Grazie all'invito del gruppo scout, Marisa ha gentilmente accettato di venire a raccontare di sua figlia anche qui a Brugherio.
L'incontro si terrà sabato 28 maggio nel salone CGB dell'oratorio San Giuseppe alle ore 21,00.

 

Pubblicato in RS noviziato
Domenica, 13 Dicembre 2015 10:39

Uscita Noviziato Val Codera 12-13 dicembre 2015

Riportiamo il pensiero che Lorenzo ha voluto lasciare sulla pagina facebook dell'Ente Fondazione Baden (che vi invitiamo a visisare) dopo la seconda uscita in Val Codera del nostro Noviziato "ROAD 99". In fondo pagina trovate anche il link per la galleria fotografica sul nostro sito (solo per utenti registrati).

 

Sabato siamo partiti in macchina da Brugherio verso le 17 perchè Chiara aveva una partita di basket che poi ha perso, il viaggio è stato abbastanza veloce (perchè ero con Fausto se no saremmo arrivati tardi) e una volta giunti a Novate Mezzola abbiamo incontrato padre Alberto che ci stava aspettando per salire e parlando ci siamo messi gli scarponi ed mangiato delle banane; poi ci siamo incamminati nel buio.

La camminata è stata tranquilla anche se molto in salita ed il panorama era mozzafiato per il cielo stellato, inoltre abbiamo parlato tanto e ci siamo divertiti. A trequarti circa della camminata ci siamo fermati davanti al cimitero di Codera per ricordare Enrico, un compagno di noviziato di Fausto, è stato un momento solenne e di riflessione.
Una volta arrivati alla centralina stanchi, con Arianna arrabbiata e con una fame da lupi abbiamo mangiato e bevuto il vin brulè, prima di ascoltare i racconti sulla val Codera di Fabio (custode della centralina che ci ha accolto insieme ad Elisa). Ormai molto stanchi, abbiamo pregato la compieta e siamo andati a dormire.
La mattina ci siamo svegliati verso le 7 e dopo una colazione sostanziosa abbiamo aiutato dei signori del posto a portare della legna dal bosco vicino a casa loro, dopo di che abbiamo celebrato la S.Messa con i bravissimi armonicisti Gabbo e Lorenzo ed abbiamo avuto un po' di tempo per le confessioni.
Abbiamo avuto del tempo libero dove Arianna e Chiara hanno potuto studiare mentre Lori, Gabbo, Marina ed Abreham sono andati a vedere il Ponte del Diavolo e a fare molte foto, una volta tornati alla centralina abbiamo cucinato della pasta al pesto nella quale qualcuno ci ha aggiunto del buonissimo gorgonzola(idea stupefaciente di Lorenzo!!) e una volta lavato le pentole e gavette abbiamo salutato, suonato il corno e ci siamo incamminati per il ritorno.
La camminata è stata più veloce che all'andata e grazie al sole abbiamo potuto ammirare dei bei paesaggi; durante il ritorno abbiamo incontrato un ragazzo che correva per la val codera (folle!!!) e verso la fine ci hanno raggiunto Fabio ed Elisa; la cosa è stata abbastanza scoraggiante dato che erano partiti solo da mezz'ora e noi eravamo in strada da molto di più... . Dopo un'interminabile camminata per Marina e Abreham, siamo arrivati alle macchine e siamo tornati a casa tutti; stanchi ma felici!
Lorenzo Manera (Brugherio 1)

Pubblicato in RS noviziato
Domenica, 28 Febbraio 2016 10:28

Uscita Noviziato Val Codera 20-21/02/2016

Riportiamo il pensiero che Arianna ha voluto lasciare sulla pagina facebook dell'Ente Fondazione Baden (che vi invitiamo a visisare) dopo la seconda uscita in Val Codera del nostro Noviziato "ROAD 99". In fondo pagina trovate anche il link per la galleria fotografica sul nostro sito (solo per utenti registrati).

 

La Val Codera è ormai una nostra tappa fissa e questa volta per arrivarci il percorso è stato più piacevole per tutti, anche per padre Alberto, che, come la scorsa volta, si è reso disponibile per cercare di rendere la nostra esperienza il più completa possibile. Dopo qualche oretta di strada tra binari, gallerie, ponti, buio, luce neve e sole, finalmente siamo giunti in Centralina dove a riempire le nostre pance ha ben pensato il nostro cuoco. Insomma tra giochi e risate la serata si è conclusa serenamente lasciando a tutti il tempo di riposarsi in vista del giorno successivo.
Al mattino, nonostante la sveglia non sia suonata, siamo stati comunque in grado di evitare il rispetto della caratteristica che rende uno scout tale, ovvero l'essere in ritardo. Nel giro di pochi minuti infatti, eravamo vestiti, lavati e pronti per correre a Messa. Dopo la celebrazione il noviziato è stato partecipe di un momento solenne volto a ricordare Enrico, compagno di Fausto, il nostro maestro dei novizi. Presso la sua croce, abbiamo avuto modo di ricordarlo e fare in modo che anche gli altri possano farlo, lasciando per sempre qualcosa che appartiene a lui come a noi: l'omelia del suo funerale, i fazzolettoni del gruppo (nostro e di Enrico; Brugherio1 e Sesto San Giovanni 1) e, sulla sua croce, la targa con suo nome. Enrico infatti è uno dei tanti amici che si ricordano percorrendo la Valle.
Il viaggio di ritorno è stato un po' malinconico poiché sapevamo che ormai padre Alberto aveva concluso il camino con noi per quest'anno: un cammino più grande infatti lo attende a breve ed è quello della missione in Cambogia. Nonostante ciò la nostra uscita è stata unica e irripetibile e siamo certi che anche coloro che si troveranno a camminare nella valle potranno provare e trovare tutto ciò che anche noi abbiamo vissuto.
Arianna
Noviziato "Road 99" - Brugherio 1

Pubblicato in RS noviziato

ALLORA IL DIAVOLO GLI DISSE: «SE TU SEI FIGLIO DI DIO, DI' A QUESTA PIETRA CHE DIVENTI PANE». GESÙ GLI RISPOSE: «STA SCRITTO: "NON DI SOLO PANE VIVRÀ L'UOMO"». Dal Vangelo della I domenica di Quaresima, Lc 4, 1-13


Peccato non esistessero scout al tempo di Gesù, perché lui di certo, sarebbe stato il migliore! Non solo perché amava vivere in modo essenziale, a contatto con la natura, immerso in una comunità ... Gesù sarebbe stato un ottimo scout perché era in grado di educare sé stesso!
Credo che questa sia davvero la cosa più importante per chiunque: genitori, insegnanti, sacerdoti, capi scout, allenatori ... a maggior ragione per quanti si vedono affidare dei giovani e dei ragazzi. Come possiamo pretendere di educare gli altri, se non abbiamo prima voglia di educare noi stessi?

In questo brano di Vangelo è descritta quella che credo essere la sfida più difficile per un educatore: rimanere coerenti agli ideali e alle motivazioni che stanno alla base della propria scelta, senza cedere alle tentazioni che ci si pongono di fronte ogni giorno della nostra vita. Gesù è bravissimo a fare questo e qui ci ricorda che ci si educa con precisi riferimenti e strumenti.

Come scout e come cristiani ... basta pensare ai dieci comandamenti e ai dieci articoli della legge scout, al nostro battesimo e ai sacramenti come pure alla nostra promessa. Gesù è da solo nel deserto, affamato e stanco. Si mostra vulnerabile come ognuno di noi, ma allo stesso tempo è libero e forte. È in grado di affrontare le tentazioni in tutta tranquillità. Non cerca di spiegarsi o discutere col diavolo. Nemmeno perde tempo, non si lascia disturbare oltre. Si fida del Padre, si sente figlio prima che uomo. Si fida della parola di Dio prima che delle proprie opinioni. Gesù risponde con l'adesione incondizionata alla Sacra Scrittura e con la fedeltà alla missione che gli è stata affidata dal Padre.

Credo che ogni tanto, sia necessario fermarsi, staccare almeno per un secondo dalle frenesie della giornata, ritagliarsi un proprio momento di deserto e riflettere su quali siano le motivazioni che ci spingono ad impegnarci nel nostro servizio, qualunque esso sia. Ed è importante che queste non vengano mai meno, ma che continuiamo a ricordarcele, in modo che anche il nostro servizio non venga mai meno e non perda di significato.

Pubblicato in Gruppo
Domenica, 07 Febbraio 2016 17:00

Il trucco c'è ma non si vede

In pochi si sono accorti delle misure di sicurezza apportate alle nostri sedi, ma statene certi: il trucco c'è ma non si vede.

Effettivamente non è facile accorgersi dell'applicazione di pellicole di sicurezza su tutti i vetri di tutte le nostre sedi, essendo praticamente invisibili.

Ma un occhio attento avrà potuto notare il sigillo ad un angolo di ogni vetrata, segno che la pellicola protettiva è stata installata.

Un semplice stratagemma per evitare che, in caso di rottura, le schegge di vetro possano colpire chiunque si trovi nelle vicinanze.

E' stata una spesa piuttosto importante, ma siamo riusciti ad finanziarla totalmente grazie alla campagna "Sedi Sicure" dell'AGESCI regione Lombardia, che utilizza parte dei fondi del 5 per mille per mettere in sicurezza le sedi scout.

Ringraziamo dunque chi ha voluto darci il suo sostegno nella dichiarazione dei redditi destinando il 5 per mille all'AGESCI: speriamo di poterne beneficiare anche in futuro.

Buona Caccia e Buona Strada.

 

 

Pubblicato in Gruppo
Domenica, 07 Febbraio 2016 18:05

Impresa sede di Noviziato: missione compiuta!

L'impresa per la ristrutturazione della sede di Noviziato è balenata subito alla prima riunione: troppo impersonale, troppo poco scout.

Da allora, nel lontano ottobre 2015, tutti i novizi hanno pensato come trasformarla, con l'aiuto di architetti ed ingegneri di grido (il mitico Lambe, il nonno di Marina, i papà e le mamme che hanno aiutato, la piccola Rachele, etc.),

E' forse per questo che il risultato finale è alquanto sorprendente.

Tanto lavoro ed altrettanto divertimento hanno accompagnato i ragazzi e le ragazze durante la preparazione dei muri, la tinteggiatura, la pulizia, l'applicazione di elementi decorativi, la posa del parquet, la costruzione di tavoli e pareti in legno.

Idee e sogni si sono trasformati in realtà nel giro di tre mesi, con l'inaugurazione avvenuta nel pomeriggio del 16 gennaio 2016.

Mancano ancora piccoli particolari, ma siamo sicuri che guardando le immagini rimarrete stupefatti!

Buona Caccia e Buona Strada.

 

Pubblicato in RS noviziato
Giovedì, 21 Gennaio 2016 23:53

Cena Multietica - I'M MIGRANT

Grande successo per la cena mutietnica organizzata dal clan/cuoco Mistral.

Più di 280 persone hanno partecipato festosamente all'Oratorio San Giuseppe, condividendo un menù che alternava specialità Italiane a specialità Africane (soprattutto Eritree).

Una bella occasione per incontrare non solo gli "affezionati" al gruppo scout, ma anche tante persone sensibili alle problematiche dei migranti, dei profughi, di chi vive la propria vita da forestiero in terra straniera.

Oltre alla presenza dei richiedenti asilo ospiti presso l'Oratorio Maria Bambina, ringraziamo per la partecipazione la folta delegazione della Caritas brugherese, il sindaco Troiano, l'assessore Valli, don Vittorino, don Alessandro, Don Gregorio, i giovani degli oratori di Brugherio, le ospiti di Casa Jobel, l'associazione Arcobaleno di Caponago, le volontarie della San Vincenzo, i fratelli scout del gruppo Villasanta 1, mamme e papà scout, gli amici intervenuti numerosissimi, i veterani del Brugherio 1, zie, nonni, fratelli, nipoti, e chi più ne ha più ne metta (sicuramente avremo dimenticato qualcuno e ce ne scusiamo anticipatamente).

Ringraziamo soprattutto la chef Italiana Tina e le chefs Africane Mevis e Beatrice, sostenitrici di tutto il meraviglioso lavoro che tutti i ragazzi del clan/fuoco hanno profuso nell'organizzare e gestire questa spettacolare serata.

Possiamo dire obiettivo centrato, anche per il risultato economico a favore delle route estive, Africane e non.

Buona Caccia e Buona Strada.

 

Pubblicato in RS Clan/Fuoco