Martedì, 24 Aprile 2018 17:56

Vecchine che attraversano e vendita di biscotti?

Scritto da
Sabato, 07 Aprile 2018 17:52

Vivere da missionari e trovare posto nel mondo

Scritto da
Sabato, 07 Aprile 2018 17:43

Salutare l'Universo con fratel Tommaso

Scritto da
Lunedì, 02 Aprile 2018 00:00

Il valore di una scelta. La tua.

Scritto da
Domenica, 01 Aprile 2018 09:56

Santa Pasqua 2018

Scritto da
Sabato, 24 Marzo 2018 19:30

COMUNITÀ CAPI IN CAMMINO

Scritto da

"Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono di Cristo Gesù"
Durante lo scorso week-end, del 16-17-18 Marzo la Comunità Capi di Brugherio, così come le Comunità Capì di tutta Italia, ha vissuto forti momenti di riflessione e di condivisione.
Ma cos'è la "Comunità Capi"?
La Comunità Capi (detta Co.Ca. per abbreviazione) è la comunità degli educatori del gruppo scout ed ha come mandato prioritario l'educazione dei ragazzi che le sono affidati attraverso il metodo dello scoutismo.
Ogni capo, dal più giovane al più esperto, "condivide la responsabilità educativa" ed è consapevole che le sfide si affrontano insieme, attraverso un confronto fitto e sincero, condividendo passione e entusiasmo... ed è proprio così che la comunità diventa una risorsa.
Tra le urgenze del gruppo, i bisogni imminenti dei ragazzi e l'organizzazione di eventi, durante i giorni trascorsi insieme ci siamo infatti confrontati per aiutarci sia a guardare lontano, pensando ed immaginando insieme il cammino dei prossimi anni, sia a vedere le scelte di tutti i giorni attraverso la lente del discernimento, che siamo chiamati a compiere costantemente.
Ma in concreto a cosa siamo chiamati?
Siamo chiamati a compiere delle scelte partendo dalla lettura delle nostre emozioni attraverso la ragione affinché le nostre azioni siano specchio degli insegnamenti di Cristo. Proprio la comunità capi, come comunità cristiana, parte della Chiesa missionaria nell'educazione, è il luogo in cui, per noi, ha inizio il cammino di discernimento.
Il fine settimana si è concluso con la celebrazione della S. Messa con l'Arcivescovo Mario Delpini nella chiesa di S. Vittore al Corpo a Milano, con la partecipazione di alcune comunità capi di Milano e della Brianza.
L'Arcivescovo ha sottolineato come la nostra epoca si arrenda sempre più frequentemente ad un continuo "oramai", invitandoci a vivere la speranza anche di fronte a ciò che appare impossibile.
Questo suo invito ci stimola a proseguire la nostra azione educativa ricordandoci che è sempre possibile "dare un calcio all'IM-Possibile".

 

 pubblicato in versiona ridotta su NoiBrugherio - anno XV n.12 del 24 marzo 2018

Venerdì, 16 Marzo 2018 18:50

Che impresa essere scout!

Scritto da