Sabato, 28 Aprile 2018 18:23

Fratelli di tutti insieme si fa un arcobaleno di anime

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

"La guida e l'esploratore sono amici di tutti e fratelli di ogni altra guida e scout".

È questo l'articolo della legge scout che ha guidato l'evento della zona di Milano Nord e Monza e Brianza tenutosi lo scorso weekend di Aprile presso il parco della Besozza (Pioltello).

Circa duecento ragazzi tra i dodici e i sedici anni, provenienti da tutte le aree della zona (tra cui Brugherio), si sono riuniti per vivere insieme l'esperienza del San Giorgio, una ricorrenza dedicata al patrono del Reparto (la branca caratterizzata da scoperta, competenza e responsabilità affrontate tramite l'avventura).

I ragazzi si sono sfidati tra loro, si sono confrontati, ma soprattutto si sono incontrati mostrando con trasparenza le loro capacità e le loro difficoltà e sperimentando realmente cosa significhi fratellanza, al di là delle diversità.
"Sai da soli non si può fare nulla, sai aspetto solo te. Noi, voi tutti vicini e lontani, insieme si fa un arcobaleno di anime".

Erano queste le parole scritte sull'invito per una "festa" che i bambini del branco "roccia della pace" (Brugherio) e "popolo libero" (Pioltello) hanno consegnato ad alcune persone della comunità pakistana di Pioltello.

Lo scorso weekend, in occasione della festa di primavera, i due branchi hanno avuto la possibilità di trascorrere insieme due giorni di gioco e di condivisione.

In particolare domenica, hanno incontrato bambini, ragazzi ed alcuni adulti della comunità pakistana che gli hanno insegnato a giocare a cricket. E così tra risate e divertimento hanno trascorso insieme ore piacevoli.

Questa giornata ci ha insegnato che siamo unici proprio perché diversi e che facciamo tutti parte di uno stesso "arcobaleno".
"Ama il prossimo tuo perché̀ è come te stesso".

Questa bellissima verità̀ ha potuto risuonare nell'appena passato weekend del 21 e 22 aprile, durante la Festa di primavera che ha visto protagonisti molti branchi scout della zona.

In particolare a Brugherio, il branco "il gabbiano" e "il popolo libero", del gruppo di Cormano, hanno condiviso momenti di incontro e conoscenza.

Grazie a Cinzia (dell' associazione Mutar), attraverso un' attività̀ di musicoterapia, abbiamo capito quanto sia importante dare spazio al prossimo.

Abbiamo conosciuto Emanuele che attraverso i suoi limiti, ci ha aiutato a riconoscere i nostri.

Quando conosciamo i colori dell'amicizia e della condivisione, la diversità̀ non è più̀ un ostacolo, ma una grande ricchezza.

 

 

pubblicato in versiona ridotta su NoiBrugherio - anno XV n.17 del 28 aprile 2018

Letto 455 volte